Fabio Massi

fabioblog

DualFest tutte le edizioni

logo dualfest

LAST

DUALLIFE2019/2020

GIORNO E  NOTTE
29 SETTEMBRE 2019 - ALBANO, GROTTA, MARINO,

RACCONTIAMO TINA PENSANDO ANNA

tina3anna joven rit BW SMALL

Domenica 29 settembre è già un anno dalla scomparsa di Anna Limiti. La ricordiamo con un percorso lungo spazi e luoghi, materiali e immateriali, fisici e spirituali che hanno fatto parte della sua storia
Raccontiamo Tina Pensando Anna
Partiamo dal C.S.O.A. FORTE PRENESTINO che ha visto Anna protagonista per tanti anni, nel Teatro, nella Cucina, nell'Autogestione, dove alle ore 11 piantiamo un albero x Anna e leggiamo una poesia.
Continuiamo a Grottaferrata, con un pranzo al Ristorante di Agricoltura Capodarco, Cooperativa Sociale in cui Anna lavorava e a cui dedicava tante delle sue energie esperienze maturate in una vita nelle realtà di base e di azione diretta autogestionaria. Intorno alle 13,30, a Grottaferrata, Via del Grottino snc.
Poi a Albano Laziale, alla mostra di Tina Modotti, Donna Fotografa Militante, che Anna amava passionatamente. Alle 17 Angelica Rodriguez del Comitato Organizzatore Tina Modotti ci guiderà nella visita di questa bellissima mostra. Ad Albano Laziale, Chiesa delle Grazie (Via Anfiteatro Romano, 18)
La tappa prevista a Marino viene spostata a Sabato 5 Ottobre alle ore 18,00. Marino, dove Anna era nata, fuggita, tornata , al Teatro Vittoria di Villa Desideri, dove amiche e amici di Anna utilizzeranno l’Open Stage per la Letture di Brani, conosciuti e/o inediti, dedicati a Tina e Anna. Poi chi vuole si può fermare e assistere alle ore 21,00 allo spettacolo "La notte favolosa" del Laboratorio del Teatro di Marino
CONFERMATE SE VENITE A VISITA GUIDATA E/O PRANZO
anche cell. Fabio 3403388364
Mente Memoria
Mente Memoria Passato Futuro

Mente e memoria sono una cosa unica, l’integrità della memoria fonda l’integrità dell’essere umano… dice a pagina 215 il libro che lentamente mi accompagna nell’attuale addormentamento bollore estivo “La ragazza con la Leika”. E su questa frase mi sono fermato e avvitato. Che non potrei che essere super super d’accordo. I miei pochi momenti di resistenza creativa sono dedicati al recupero delle storie passate. Da anni mi guardo indietro e cerco di collegare fili Ma.

Ma nello stesso tempo credo che quello che ci definisce come umani è l’idea del futuro. Anche il mio guardare indietro è per darmi un’idea del futuro. Discipline olistiche ci spingono a concentrarci sul presente, per ridurre la sofferenza. Può andar bene come esercizio di meditazione, ma in una dimensione storica collettiva necessitiamo il futuro (supportato dalle esperienze del passato). Dispositivi elettronici spingono i Digital Natives nel protagonismo dello spettatore del Videogioco Narrazione Perpetua. In un presente troppo esteso.
In un presente troppo presente.

Mah, forse il presente è solo troppo caldo. Nell’immediato futuro metto una doccia. E fatemi sapere cosa ne pensate, nel futuro successivo; buona giornata.

05 / 07 / 2019 ore 8 del mattino
 
Pianto date.
Pianto Date.

 

Non ricordo aver pianto mai

Prima della morte di mia madre

25 Ottobre 1989

Anzi ricordo mi chiedevo

Se avessi dovuto recitar pianto

Ai ricordi di chi avrei attinto

E invece imprevedibile

Dopo la morte di mia madre

Il pianto ha iniziato così

Facile inarrestabile

E invece imprevedibile

Non il pianto che è sempre con me

Addirittura per cartoni animati

Che quando poi è morto mio padre

8 Febbraio 1997

Ecco il sentirmi orfano è strano

Con i miei quarant’anni suonati

E invece imprevedibile

Ora, ora che è morta Anna

30 Settembre 2018

Ora mi chiedo solo come e chissà

Che il pianto io piango finirà 
 
sogni 2febbraio 2019
02 02 3019 sogni
Quanti salti e quanti viaggi deve fare la nostra mente mentre dormiamo.. cosa sognano gli animali…

Cosa sognano gli androidi… pecore elettriche?

Stanotte nei salti a ripetizione del mio sonno , entro con due operai in un edificio in evidente ristrutturazione. Prendiamo un ascensore spoglio di tutto e saliamo due piani, ma arriviamo su un’impalcatura alta due piani e sotto non ci sono più i due piani di ascensore, ma i due piani d’impalcatura…. Nel vuoto…

Il primo operaio salta giù come fosse niente… ne risente, un poco claudicante, ci dice “Attenti!”

Qualcuno muove il carrello trabattello impalcatura… io vorrei imitare il primo operaio, ma ho paura.. dico “mettete qualcosa sotto” per limitare l’impatto, m non si trova nulla e mi sembra di ondeggiare nel vuoto, sul bordo del vuoto. Non vorrei danneggiare il secondo operaio, che tenendosi in equilibrio sta aspettando di vedere che fine faccio io. Mentre il senso di angoscia mi guida verso il risveglio, nel mixaggio sonno-veglia, mi vedo optare per la soluzione: ridurre altezza da saltare, sedendomi e aggrappandomi con le mani al bordo… ma chissà come è finita..

Mi sveglio. Penso che oggi c’è la manifestazione contro Salvini.

Cosa sogna Salvini.. immigrati elettrici? Forse immigrati elettrificati…

Mi appare quel monologo di tanti anni fa “Viaggio nel cervello di un leghista”. Lo dovrei ritrovare… cominciamo sta giornata..

Rif. “Do Andoids dream of electric sheep?” di P. K. Dick da cui è stato tratto il film Blade Runner
 
ku fu anna day dicembre 2018
Anna che non c’è più

Mi fa pensare al meno e al più

A Quando inizia la vita

A Quando finisce la vita

La vita fisica materiale

L’esistenza immateriale

Che ci porta a riconsiderare

Che Anna c’è finché c’è per noi….

E ci spinge a prendere visione

Delle Storie che chiamo MultiReligione

E ParoleParoleParole (con Anna nel cuore)

Continua con la notte di Evaristo

Che in realtà è divisa in due parti
 
ku fu anna day ottobre 2018
KU FU ANNA DAY OTTOBRE 2018
quello che ci sarà poi
per Anna
e per tutte tutti noi
parole musica silenzi 
paure sogni e intenti
dimostrano la forza di ciò
che chiamiamo comunità
....


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3
 

Nata durante la Settima edizione del DualFest, affrontando la dualità “Assenza/Presenza”, Dual TV sperimeenta una narrazione che getta il Locale nel calderone Globale Per gli abitanti di Marino DualTV è sul proprio televisore al canale 19 analogico “Stacca il Decoder, per la TV di Paese, critica, ma cortese” Dual TV è cominciata con una Diretta streaming delle due serate del 18 e 19 Dicembre 2010 da Marino e Monteporzio, sempre ai Castelli Romani, e prosegue con un palinsesto tracciato sui materiali e gli artisti che hanno composto il DualFest dal 2004 al 2010. esempio: nel DualFest06  AMMBLETO ovvero SHEKSPIR SPAKKA! rilettura in romanesco dell'AMLETO, letto / interpretato in varie ambientazioni, dai cittadini del COMITATO DI QUARTIERE GARIBALDI DI MARINO,  dai RAGAZZI DELLA SCUOLA S. PERTINI, dagli stornellatori del PONENTINO TRIO, dai rapper dei SK38, ecc.